Ricky

l'acqua cheta che macina i ponti

La zia di Carlo /2

Nel precedente post vi avevo lasciato tra perplessità e fiducia. Ebbene, il mondo è andato avanti e qualche cosa si è mosso.

Le prove continuano e il primo atto è grosso modo montato, manca la memoria e le intenzioni vanno affinate, ma i movimenti più o meno ci sono. Questo è un primo traguardo più che rispettabile, dato che è stato raggiunto in sole due sedute nel giro di appena due settimane dalla creazione della compagnia.

Come pronosticato il cast (tralasciando per un momento il sottoscritto) è veramente qualitativamente buono. In più tutti si sono dimostrati simpatici e disponibili, creando davvero un ottimo clima durante le prove. Insomma ci sono tutte le premesse per mettere insieme un bel gruppo.

Quello che non sapevamo era se il MaMiMo ci avrebbe dato il suo appoggio e in quali termini. Ieri sera è arrivata la risposta. Il sig. Mamimo ci supporterà a determinate condizioni e fino a un certo punto. In pratica ci darà una sala prove, l’accesso a costumi e attrezzeria dopo aver approvato il testo che porteremo in scena. Per qualsiasi altra richiesta dovremo pagare (con tariffe agevolate) l’impegno dei professionisti. In più la ricerca e gli accordi con un teatro per andare in scena saranno totalmente a carico della nostra compagnia.

La scelta dello staff del centro teatrale è comprensibile e per la maggior parte più che condivisibile. Hanno dovuto pensare al futuro, creando un regolamento che permetta a ogni associato di usufruire degli stessi diritti. L’unica parte che mi ha lasciato perplesso è il distacco che hanno voluto mantenere riguardo al reperire i luoghi dove andare in scena e i relativi oneri riguardo alla gestione di biglietti, siae e incassi.

Che dire … dissipati un po’ i dubbi che avevo su testo e tempistica, me ne sono sorti altri sulla parte organizzativa. A questo punto credo che continueremo a provare fino a fine luglio per ricominciare a settembre. Solo a quel punto si saprà se quanto fatto fino ad allora rimarrà nei ricordi di dieci persone o prenderà vita su un palcoscenico. L’unica cosa che si può fare ora è augurare tanta merda alla neonata compagnia, perchè ne ha veramente bisogno.

Annunci

16 giugno 2010 - Posted by | Teatro | ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: