Ricky

l'acqua cheta che macina i ponti

L’Italia ripudia i fischi

Stop Wars

Image by Dr Case via Flickr

A Livorno oggi allo stadio si è giocata la partita di calcio tra Livorno e Portogruaro. Ma non è il calcio ad aver catturato la mia attenzione, quanto i fischi di alcuni spettatori durante il minuto di silenzio per la morte in Afghanistan di un’altro militare italiano.

Ovviamente nei telegiornali (quelli che ne hanno parlato) tutti hanno esecrato questo comportamento. Ebbene vi dico che non mi sento di condannare chi ha fischiato. Quello che nessuno dice (non so se perchè non ci arrivano o perchè non lo si vuol dire) è che c’è una buona parte di italiani che richiamerebbe immediatamente i nostri militari dall’Afghanistan. Questo perchè è evidente che non è una missione di pace e costituzione alla mano l’Italia ripudia la guerra… non i fischi

E allora ben vengano questi fischi, che come dovrebbe essere ovvio non sono rivolti al deceduto, ma sono rivolti a un’azione del nostro governo che è incostituzionale e non appoggiata da gran parte della società civile. E se l’unico momento per rendere evidente anche ai mass-media questo sentimento è un minuto di silenzio allo stadio, è giusto che si utilizzi questo spazio per una protesta tanto pacifica quanto breve.

18 settembre 2010 Posted by | Società | , , , | Lascia un commento

Commissariateci

viaggio nel mondo delle ombre

Image by i k o via Flickr

Ieri, dopo le parole di Fini a Mirabello, ho capito che facciamo parte del terzo mondo. Quando la terza carica dello stato ha parlato di questione meridionale, per l’ennesima volta in almeno 25 anni, mi si è aperta una voragine davanti. Ho realizzato che ci sono interi territori dell’Italia dove lo stato deve chiedere permesso a bande locali, come se non peggio dell’Afghanistan.

Ho inoltre realizzato che i grossi problemi dell’Italia sono sempre quelli da 50 anni a oggi. Questo vuol dire che la nostra classe dirigente negli anni si è dimostrata incapace, inetta se non disonesta.

Noi dovremmo essere commissariati come l’Iraq, forze militari straniere dovrebbero presidiare vasti tratti del nostro territorio. L’Italia da sola non è capace di liberarsi di mafia, n’drangheta, camorra e sacra corona unita. La nostra bella penisola ha bisogno di aiuto. Noi italiani abbiamo bisogno di aiuto contro questi mali.

L’ONU, gli USA e l’Europa non devono trattarci come alleati, ma devono esportare la democrazia. Se in Iraq o in Afghanistan non la vogliono, qualcuno faccia sapere loro che in Italia il popolo sarebbe ben lieto di provarla e togliersi di mezzo i tumori che le impediscono di essere la più bella nazione europea.

6 settembre 2010 Posted by | Cultura | , , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: