Ricky

l'acqua cheta che macina i ponti

Commissariateci

viaggio nel mondo delle ombre

Image by i k o via Flickr

Ieri, dopo le parole di Fini a Mirabello, ho capito che facciamo parte del terzo mondo. Quando la terza carica dello stato ha parlato di questione meridionale, per l’ennesima volta in almeno 25 anni, mi si è aperta una voragine davanti. Ho realizzato che ci sono interi territori dell’Italia dove lo stato deve chiedere permesso a bande locali, come se non peggio dell’Afghanistan.

Ho inoltre realizzato che i grossi problemi dell’Italia sono sempre quelli da 50 anni a oggi. Questo vuol dire che la nostra classe dirigente negli anni si è dimostrata incapace, inetta se non disonesta.

Noi dovremmo essere commissariati come l’Iraq, forze militari straniere dovrebbero presidiare vasti tratti del nostro territorio. L’Italia da sola non è capace di liberarsi di mafia, n’drangheta, camorra e sacra corona unita. La nostra bella penisola ha bisogno di aiuto. Noi italiani abbiamo bisogno di aiuto contro questi mali.

L’ONU, gli USA e l’Europa non devono trattarci come alleati, ma devono esportare la democrazia. Se in Iraq o in Afghanistan non la vogliono, qualcuno faccia sapere loro che in Italia il popolo sarebbe ben lieto di provarla e togliersi di mezzo i tumori che le impediscono di essere la più bella nazione europea.

6 settembre 2010 Posted by | Cultura | , , , | Lascia un commento

Pluralista

Politica en Merlo

Ieri scrivevo a proposito di Lega nord. Oggi ho appena terminato di sentire il discorso di Gianfranco Fini al popolo del suo nuovo partito, che già mi preparo ad uscire per andare alla festa di Sinistra e libertà in un paesino di provincia, non prima di aver accettato di andare nei prossimi giorni a un incontro del Movimento 5 Stelle. Ieri ero alla festa del PD a Modena.

Ora sfido chiunque a dirmi che ho dei preconcetti e quasi quasi sono pronto per candidarmi. Anche se il ruolo che mi si addice è l’imperatore. A differenza di quello che già abbiamo io non nosconderei le mie ambizioni e sarei onesto nel chiamarle con le giuste parole. Inoltre non ho pendenze con la legge, processi in corso o prostitute che mi possono ricattare. Ho già trovato anche i cartelli per la campagna elettorale…

5 settembre 2010 Posted by | Politica | , | Lascia un commento

L’ex fascista ci salverà dal nuovo fascismo?

Nella torrida estate politica italiana, si prospetta uno scenario agghiacciante. Fini sbugiardato dal PDL perde l’appoggio dei dissidenti di destra, che o si sottomettono incondizionatamente al padrone o sono epurati.

A breve seguito nel primo autunno verranno proposte leggi “ad personam” e “ad castam” che blinderanno la posizione del Primo Ministro e della sua maggioranza, che avranno libertà d’azione su ogni cosa. Dai processi che non si faranno a quelli che si concluderanno con un nulla di fatto, dall’informazione controllata a quella imbavagliata, dalla mafia non combattuta a quella istituzionalizzata.

A noi rimarrà la scelta se questo periodo storico lo vogliamo chiamare fascismo o berlusconismo.

Si parla di fine della seconda repubblica, ma la terza potrebbe essere peggio delle prime due … e un brivido scorre lungo la schiena.

Per sdrammatizzare vi posso dire che dobbiamo sperare nell’onestà di un ex fascista per non tornare al ventennio, comico no?

13 agosto 2010 Posted by | Politica | , , , | Lascia un commento

Dimissioni

Gli ex compagni di partito di Fini chiedono le sue dimissioni per la vicenda monegasca, dove ancora non è chiaro se e in che misura sia coinvolto il Presidente della Camera.

A far da contr’altare c’è l’assordante silenzio all’indomani della sentenza Mills nella quale si accertò che Mills è stato corrotto da Berlusconi, per dire il falso in tribunale.

Berlusconi è un corruttore e nessuno chiede le sue dimissioni, Fini non si capisce nemmeno quanto sia coinvolto con un appartamento all’estero dove è in affitto il fratello della sua compagna (nemmeno moglie) e dovrebbe dimettersi?

Per una volta potrei essere d’accordo con la par condicio, perchè non si dimettono entrambi?

9 agosto 2010 Posted by | Politica | , , , | Lascia un commento

Qual’è la notizia?

Tra le notizie apparse ultimamente su giornali e telegiornali una che ha avuto maggior rilievo e spazio è quella riguardante un appartamento a Montecarlo (Principato di Monaco) che in una qualche misura è collegabile a Gianfranco Fini.

Per chiarire la questione faccio un breve riassunto. Feltri sul suo giornale, qualche giorno fa pubblica in prima pagina con relativo titolone che Gianfranco Fini sarebbe coinvolto in qualche oscura operazione immobiliare a Montecarlo.

La realtà dei fatti è che una vecchia signora, alla sua morte ha lasciato in eredità ad Alleanza Nazionale alcuni immobili, tra cui un appartamento a Montecarlo. Detto immobile viene venduto da AN a una società off-shore per una cifra molto bassa rispetto al valore di mercato, la società off-shore rivende il bene a un prezzo notevolmente più alto ad un’altra società con sede nel medesimo paradiso fiscale. In fine l’ultima società concede l’appartamento in affitto al cognato di Fini.

Ricapitolando stiamo parlando di un immobile all’estero donato da una defunta a un’associazione politica (soggetto privato) che non esite più in quanto confluita nel partito attualmente al governo e un parente acquisito di uno dei principali leader di questo movimento attualmente lo ha in affitto.

A mio parere la notizia è la prova comprovata che Silvio Berlusconi ha il potere di manovrare i mass-media italiani a suo piacimento. Infatti i titoloni sono apparsi in concomitanza con il distacco tra Fini e Berlusconi.

Più che di giustizia a orologeria, il Presidente del Consiglio dovrebbe spiegare (con l’aiuto di Vittorio Feltri e altri) l’uso privatistico e a orologeria della stampa in Italia.

A questo punto bisogna scegliere se la notizia è l’evidenza del conflitto di interessi e l’uso deviato dei mezzi di comunicazione in Italia, o la vicenda di un soggetto privato inerente un appartamento all’estero.

6 agosto 2010 Posted by | Politica | , , , , , | Lascia un commento

Quali Fini?

Gianfranco Fini è sicuramente il personaggio del mese (escludendo la coppia Corona&Belen che sono come il prezzemolo).

Suo il merito di aver sollevato la questione morale all’interno del PDL, e di aver rispolverato alcuni antichi concetti cari alla destra quali legalità, onore, patria.

Nel contempo mi viene da chiedermi perchè solo ora, dopo 16 anni di assoluto vassallaggio a Berlusconi il buon Fini esprime dubbi che sono certezze per tutti? Perchè l’ex delfino di Almirante ai tempi del M.S.I., fondatore di A.N. e cofondatore del PDL si smarca?

Non è che ha nasato che il Cavaliere sta per cadere in disgrazia? D’altronde Fini non è nuovo a improvvisi smarcamenti che lo sdoganano agli occhi della pubblica opinione. Fu lui che seguì Almirante da fedele delfino nel Movimento Sociale Italiano, fu lui che sdoganò la destra italiana con il congresso di Fiuggi dove fondò Alleanza Nazionale che in buona sostanza rinnegava alcuni concetti fasciti cari ai missini, fu lui che andò in Israele a chiedere scusa agli Ebrei nonostante la sua storia politica iniziata come giovane balilla. Fu sempre lui che fece confluire una ormai destra europera (AN) nel PDL, per assicurarsi i capitali del Cavaliere.

Mi fa piacere che il Presidente della Camera si attenga alla Costituzione, che chieda legalità e si riferisca all’unità dell’Italia, ma il tarlo persiste… FINI DOV’ERI NEGLI ULTIMI 16 ANNI????

Fini è stato il primo ad aver consegnato il nostro bel paese nelle mani di Berlusconi per più di tre lustri, e ora non ci sto a vederlo come salvatore della patria, unica speranza anche per l’elettorato di sinistra.

31 luglio 2010 Posted by | Politica | , , , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: