Ricky

l'acqua cheta che macina i ponti

UNA DELLE ULTIME SERE DI CARNOVALE

Giovedì 15 e venerdì 16 maggio ore 21

“Una delle ultime sere di Carnovale” di Carlo Goldoni
regia Cecilia Di Donato
con Ivano Bacci, Omar Borciani, Laila Catellani, Valeria Di Lanno, Andrea Ferretti, Patrizia Ficarelli, Daniela Fontanili, Silvia Ghirardelli, Daniela Guidetti, Lanzi Giorgio sostituito da Riccardo Iotti, Giuseppe Malato, Stefano Papa, Lara Sassi

“Questa Commedia è un’allegoria, che ha bisogno di spiegazione. Essendo io in quell’anno chiamato in Francia, e avendo risolto di andarvi, per lo spazio almeno di due anni, immaginai di prender congedo dal Pubblico di Venezia col mezzo di una commedia; e come non mi pareva ben fatto di parlare sfacciatamente ed alla scoperta di me, e delle cose mie, ho fatto de’ Commedianti una società di Tessitori, o sia di fabbricanti di stoffe, e mi sono coperto col titolo di Disegnatore. L’allegoria non è male adattata. I Comici eseguiscono le opere degli Autori, ed i Tessitori lavorano sul modello de’ loro Disegnatori.

Vero è, che la Commedia non potea passare che in quella tale occasione, e credo, dopo quel tempo, non sia stata rappresentata; ma vi sono delle cose in essa, che anche senza l’allegoria possono recare qualche diletto, e credo non dispiacerà ai Leggitori d’averla. I caratteri sono veri, semplici e piacevoli, indipendentemente dal fondo della Commedia: un Marito e una Moglie che si amano, e taroccano sempre insieme. Una Donna, che sa essere ammalata, quando s’annoia; e diventa sanissima quando trova da divertirsi. Un giovane brillante, faceto, che diverte gli altri, divertendo se stesso: un buon uomo, capo di famiglia, che sa unire alla più esatta condotta l’allegria e l’onesto divertimento. La caricatura di una vecchia, che vuol fare la spiritosa: due Amanti, infine, che alla vista di una società numerosa trovano i momenti per intendersi insieme, e procurarsi onestamente il fine dei loro amori. Tutto ciò, aggiunto alla pittura del sistema e del costume di quel ceto di persone, che ho introdotte in quest’opera, basta, mi pare, per dar materia ad una Commedia, anche senza il merito dell’allegoria”

Annunci

13 maggio 2014 Posted by | Teatro | , , , | Lascia un commento

Querela contro ignoti – replica il 28/02/14

Querela-sfrancesco

Dopo il grande successo della prima a Rubiera, si torna in scena a Reggio Emilia.

20 febbraio 2014 Posted by | Teatro | , , , , , | Lascia un commento

Querela contro ignoti

foto di Compagnia Teatrale "Le Frappe".

Russia, 1910.
Nella casa e nella quieta vita quotidiana del procuratore imperiale Ivan Karaoul irrompono quattro strani personaggi, pronti a sporgere una misteriosa querela.

Una commedia che porta con sé l’amaro e il dramma del vivere, ma che parla innanzitutto di felicità… e di coraggio.

Biglietto 10€
Per prenotazioni: 3494476076
compagnialefrappe@yahoo.it

TUTTO L’INCASSO SARA’ DEVOLUTO ALL’A.I.D.O. (Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule) PROVINCIALE DI REGGIO EMILIA.

Con:
Susanna Ansaloni
Monica Borciani
Tiziana Caselli
Federico Di Dio
Giovanni Gherardini
Francesco Lucenti
Clizia Riva

Assistenza alla regia: Riccardo Iotti

10 febbraio 2014 Posted by | Teatro | , , , , | Lascia un commento

Punti interrogativi

Winds of change

Image by sarniebill1 via Flickr

Che dire… saranno le radiazioni provenienti da Fukushima, il fatto che l’asse terrestre si è spostato, saranno i moti rivoluzionari che imperversano dalla Libia al medioriente sta di fatto che nemmeno il vostro caro blogger vive giorni tranquilli.

Prima di tutto perchè sono diventato proprietario di casa, il che vuol dire un sacco di impegni e giri da fare per renderla accogliente a breve. Un sacco di scartoffie, nuovi adempimenti e altri impegni che verranno. Insomma mi attendono delle lavoratacce nei prossimi mesi. Ovviamente il tutto annaffiato da una non piccola soddisfazione per un passo atteso da qualche anno.

L’altro capitolo scoppiettante riguarda il lavoro. Dopo quasi tre anni molto intensi sto per chiudere una porta che in diverse persone vorrebbero che io varcassi. Nel contempo non è nemmeno lontanamente chiaro quali saranno le mie mansioni da qui a un mese. Nel mezzo ci sono litigi, dissapori, rapporti con colleghi da mantenere nei giusti binari e rapporti umani che sarebbe un dispiacere perdere.

In ultimo (ma non meno importante) c’è il teatro che tra poco più di un mese verrà a battere cassa. Le prove del Macbeth procedono come al solito mai abbastanza celermente, quando si avvicina lo spettacolo. Ma anche qui un’incognita è presente… ancora non si sa in quale teatro si va in scena.

Alla fine della fiera mi ritrovo diviso tra due case, due uffici e nell’incertezza di dove reciterò. Se qualcuno ha voglia di introdurre nella mia vita altri punti interrogativi è pregato di prendere il numerino e mettersi in fila ad aspettare il suo turno.

30 marzo 2011 Posted by | Diario di bordo | , , , | Lascia un commento

Fight Ricky, fight!

Fight

Image via Wikipedia

Direi che questo è l’imperativo che mi perseguita ultimamente. Procedere in ogni campo con le unghie e con i denti, senza nulla che sia semplice.

Dal lavoro, con continue complicazioni, al rapporto con i colleghi sempre “intenso”, passando per il teatro dove non senza difficoltà ho chiuso l’esperienza con la “Zia di Carlo” e subito mi ritrovo a dare difficili risposte, concludendo con gli amici che vedo solo il fine settimana o durante poche serate dove si ha più voglia di andare a letto che di uscire.

In aggiunta, ho ripreso a ballare tango (neanche il tempo me lo regalassero…) e anche qui sono riuscito a complicare un pochino le cose.

Speriamo solo che il gong di fine ripresa arrivi alla svelta, nel frattempo fight Ricky, fight!

30 ottobre 2010 Posted by | Diario di bordo | , , , , | Lascia un commento

Alea iacta est

Alea iacta est

Image by andedam via Flickr

La magia del teatro si è manifestata ancora una volta. Sabato si è conclusa con un successo la replica de “La zia di Carlo”. Tanti applausi da un pubblico divertito e soddisfatto hanno lasciato una scia di euforia credo in tutti i membri della “Zimmer Frei”.

Scia, proseguita anche ieri sera, con compliementi di persone che mi hanno riconosciuto cinque mesi dopo avermi visto a teatro e chiedendomi se lo spettacolo “Tutti pazzi per Woody” era ancora in scena in qualche teatro. Una scia che mi rende ancora più difficile il prendere la decisione di non partecipare a due spettacoli che mi hanno proposto. Seguire quest’onda ora sarebbe molto semplice e accontenterei anche alcuni amici. Il no potrebbe essere visto come un atteggiamento da “divo”.

La realtà è che al momento ho uno spettacolo che è prioritario (Macbeth a maggio prossimo), e non voglio riempirmi di impegni, ben sapendo che non ho la volontà di dedicare altro tempo libero al teatro.

Come disse Cesare sul rubicone: “il dado è tratto”. So di aver preso una decisione giusta anche se  fa un po’ male (per primo a me).

24 ottobre 2010 Posted by | Teatro | , , , , , | Lascia un commento

La zia di Carlo /gran finale

Gran Finale
Image by Conanil via Flickr

Domani ore 21.00 al teatro Metropolis di Bibbiano (RE) va in scena l’ultima (almeno per ora) replica de “La zia di Carlo”. Dopo mesi di fatiche, preplessità e prove la compagnia Zimmer Frei Theater è in dirittura d’arrivo.

La prima (sabato scorso) a Cadelbosco Sopra (RE) è andata bene. Il pubblico si è divertito e gli attori pure. Ora rimane solo da chiudere in bellezza, con un teatro che si preannuncia pieno già in prevendita.

Per chi non c’era è l’ultima occasione per godersi una bella serata a teatro, mentre a chi non ci sarà rimarrà solo il rimpianto.

20 ottobre 2010 Posted by | Teatro | , , , | Lascia un commento

In fondo al tunnel

Pozzo di S.Patrizio: luce in fondo al tunnel
Image by Tamurello via Flickr

Tutti voi, almeno una volta nella vita, avrete percorso delle strade di montagna. La caratteristica che hanno in comune è che sono in salita e in alcuni tratti ci sono dei tunnel.

Ebbene questa settimana ho attraversato il mio tunnnel. E’ stata una settimana intensa, difficile, a volte buia, ma alla fine, come quando esci da una galleria, sono stato accecato da una luce abbagliante, sfolgorante.

Il percorso è stato difficile, tra giornate di lavoro complicate e a volte lunghissime e sere completemente occupate dalle prove per “La zia di Carlo”. Nel mezzo due persone a cui augurare buon compleanno e amici trascurati.

Alla fine ieri sera il sipario si è aperto, la neonata compagnia Zimmer Frei ha debuttato. Teatro pieno, spettacolo andato bene e pubblico spero soddisfatto. A fine serata la riconciliazione con amici e amiche che ormai mi davano per disperso e pizzata finale.

Il ritorno a casa a notte inoltrata è stata la luce in fondo al tunnel (paradossale ma vero) e il riposo di oggi la giusta ricompensa per una settimana un po’ delirante.

Ora non rimane che aspettare la prossima galleria, dato che giovedì si replica lo spettacolo in quel di Bibbiano, dove tra l’altro siamo attesi con ansia da un numeroso pubblico dopo il successo della scorsa stagione. Per cui come cantavano i Queen: The show must go on.

17 ottobre 2010 Posted by | Diario di bordo | , , | Lascia un commento

In licenza premio

Cover of "Fronte del Palco"
Cover of Fronte del Palco

Reduce da un matrimonio, mi preparo per andare a finire la serata in tutta scioltezza al cinema con amici. Il tutto in preparazione di una settimana che si preannuncia piuttosto fitta di impegni. Come sempre il lavoro incalza, ma i prossimi giorni mi vedranno molto impegnato anche sul fronte teatrale (potrei chiamarlo fronte del palco), per non parlare di un paio di persone a cui dovrò fare gli auguri (se non voglio che mi scortichino vivo) di compleanno.

Oggi sono un po’ come un militare che è in licenza premio (e se la gode), ma sa che tra qualche ora torna al fronte, per cui deve preparare armi e bagagli.

Nei prossimi giorni cercherò di aggiornarvi quanto più puntualmente riuscirò.

10 ottobre 2010 Posted by | Diario di bordo | , , , , , | Lascia un commento

Zimmer frei theatre

"vacancy" / "room to let"

Image via Wikipedia

Zimmer Frei tradotto dal tedesco significa camere libere. Ora restringiamo il campo:

  1. non ho iniziato nessun corso di tedesco
  2. non ho aperto un bed & breakfast
  3. non è un invito a entrare in camera mia

Ieri sera dopo un doppio turno di votazioni (eravamo indecisi tra sistema maggioritario o proporzionale con eventuale quota premio per la stabilità di governo) si è deciso il nome ufficiale della compagnia allievi MaMiMo che porterà in scena “La zia di Carlo” il prossimo ottobre.

L’ultima, decisiva votazione, tra visi tesi (per le risate) e nervi a fior di pelle (manca un mese alla prima) ha visto soccombere l’alternativa di chiamare la neo-nata compagnia “Tamerici Arse” in favore del più internazionale (e altrettanto incomprensibile) Zimmer Frei Theatre.

Per riservatezza (e un po’ anche per pudore misto a vergogna) non posso rivelarvi le altre proposte, vi basti sapere che è stata una decisione ardua tra 6/7 alternative. Una decisione che poteva essere compiuta solo da donne e uomini valorosi, quali quelli che compongono la compagnia.

Ora sotto con memoria, prove, abiti, oggettistica, ecc.

16 settembre 2010 Posted by | Teatro | , , , | Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: